IntervistePrimo PianoSerie A

Le Interviste – Motta: “Ho ragazzi di talento che credono nel lavoro che facciamo”

Abbiamo giocato meglio della salernitana sotto molti punti di vista e alla fine il risultato è venuto fuori: dobbiamo essere contenti di essere riusciti a vincere contro una squadra che difende molto bene, mettendo la palla a terra e facendo un buon gioco d’attacco. Questi ragazzi hanno talento ed entusiasmo e devono avere fame, voglia d’imparare e di aiutarsi: è solo così che possiamo ottenere dei buoni risultati.

La prima vittoria in casa tra le mura amiche del “Picco” arriva contro la Salrnitana con il punteggio di 2-1. Gli uomini di Thiago Motta ribaltano l’iniziale svantaggio e, grazie ai gol di Strelec e Kovalenko, conquistano tre punti importanti per il morale e la classifica. Il tecnico aquilotto ha parlato nel post gara, analizzando tutti i temi cruciali del match.

Era importante per lo Spezia vincere oggi, ma ancor di più farlo in casa.
“Si, è stato fondamentale il modo in cui abbiamo vinto: è da sottolineare perché quella di oggi era una partita difficile e lo sapevamo tutti. Abbiamo giocato un buon primo tempo, nonostante lo svantaggio e sono stati bravi i ragazzi a continuare a lottare e credere nel lavoro che stavamo facendo in campo”.

“Ogni partita ha una storia diversa”ha proseguito Motta“Oggi abbiamo giocato meglio della salernitana sotto molti punti di vista e alla fine il risultato è venuto fuori: dobbiamo essere contenti di essere riusciti a vincere contro una squadra che difende molto bene, mettendo la palla a terra e facendo un buon gioco d’attacco”.

Oggi è scesa in campo la squadra più giovane della serie A, forse anche a causa dei diversi infortuni, però è una cosa che fa sempre piacere vedere tanti giovani.
“Questi ragazzi hanno talento ed entusiasmo e devono avere fame, voglia d’imparare e di aiutarsi: è solo così che possiamo ottenere dei buoni risultati”.

L’impressione è stata quella di un gruppo molto compatto, infatti anche i subentrati hanno avuto un ottimo impatto con la gara.
“Si, anche quelli che sono entrati hanno fatto molto bene ed è giusto che sia così: bisogna poter contare su tutti all’interno del gruppo. Voglio fare i miei complimenti pubblicamente a Gyasi che ha iniziato la partita come terzino sinistro, che non è il suo ruolo e la scorsa gara ha giocato a centrocampo: non ho bisogno di chiedergli nulla perché è lui che si mette a completa disposizione e questo è davvero importante”.

Sarà possibile rivedere Gyasi come terzino sinistro?
“Quello che posso dire è che lo utilizzerò sempre negli undici titolari: oggi è stato un caso particolare perché non avevamo un terzino sinistro di ruolo e lui si è adattato molto bene. Anche se non avessimo vinto, lo avrei ringraziato comunque per tutto quello che fa per la squadra e il suo comportamento esemplare”.

Lo Spezia arrivava a questa gara con un po’ di pressione: lei l’ha avvertita?
“No, la pressione non esiste, c’è solo serenità, noi dobbiamo affrontare tutte le partite come un’opportunità e una possibilità di vincere, proprio come abbiamo fatto oggi. Adesso c’è un po’ di tempo per godersi la gioia di questa vittoria, ma da domani dobbiamo pensare già alla prossima gara contro la Sampdoria”.

Prima la Samp, poi il Genoa: due derby liguri per lo Spezia. Come ci si prepara a due gare così?
“Come sempre: lavoro e impegno durante gli allenamenti”.

Foto
Patrizio Moretti

Giulia Lorenzini

Nata a La Spezia, diplomata al Liceo Classico, giornalista pubblicista. Collabora con tuttob.com, prima dell'esperienza televisiva a Sportitalia e quella con la conduzione di uno spazio nella trasmissione Assist Show su Primo Canale. Collaboratrice del Secolo XIX online per la sezione eventi, è redattrice di SpeziaCalcioNews dal 2014.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche..
Close
Back to top button
P