Il PAGELLONE di Torino-Spezia – Manaj non molla mai, Provedel attento, Erlic stecca

|

|

PROVEDEL – 6,5 Almeno due le parate decisive su Seck e Sanabria, mentre sul secondo gol si sposta forse in ritardo sulla sua destra, probabilmente coperto da Hristov. La pagnotta comunque la porta a casa ampiamente anche oggi.

HRISTOV – 6 Motta ne ha parlato bene in una recente conferenza stampa sottolineandone la grande crescita. Lui ci mette un po’ a rientrare nel ritmo gara e il Toro nel primo tempo pressa forte. Esce bene con autorità alla distanza quando esce Erlic e si forma la coppia con Nikolaou che giocherà sabato contro la Lazio.

ERLIC – 5 Giornata storta, provoca il rigore dopo pochi minuti di gara spingendo Sanabria che lo sorprende alle spalle, poi fatica più del solito nella marcatura. Motta lo leva a fine primo tempo, salterà

NIKOLAOU – 5,5 Sulla destra i granata fanno paura per la rapidità di Seck e Singo che mandano in difficoltà lui e Ferrer. Sbaglia anche qualcosa in appoggio, non una delle sue migliori partite, rimedia anche un giallo.

AMIAN – 6 Nel primo tempo soffre come tutta la squadra, limitando le incursioni offensive. Meglio nella ripresa quando prova a dar manforte ad Antiste.

KOVALENKO – 5,5 In posizione inedita da mediano che deve unire qualità a quantità. Discreto sul primo fondamentale, un po’ meno nel secondo. Prova a incidere di più nel secondo tempo, ma non se ne ricordano giocate illuminanti.

KIWIOR – 5,5 Giornata dura li in mezzo, dove Lukic canta e porta la croce con assiduità. Prova a tamponare come al solito, ma la disposizione tattica lo favorisce meno. Si batte comunque sino alla fine, come sempre.

FERRER – 5,5 Singo ha fisico e corsa e lo costringe a restare basso per difendere la fascia. Logico poi che un po’ soffra l’adattamento a sinistra, ma oggi si deve sacrificare. Meglio nella ripresa.

AGUDELO – 5,5 Nel primo tempo ne prende poche perché continua a fare il pendolo per intercettare il palleggio dei granata senza praticamente mai riuscirci. Nella ripresa Motta lo accentra sulla trequarti ed entra più nel vivo del gioco, pur incidendo a fasi alterne.

MANAJ – 6,5 Il migliore con Provedel, anche se soffre in avvio come tutta la squadra. Lotta sin dell’inizio con Bremer, sportellate che Ghersini considera quasi sempre non punibili, da una parte e dall’altra. Nella ripresa è fondamentale il suo aiuto alla manovra difendendo palla e aiutando i compagni. Nel finale Bremer esce e arriva l’occasione per accorciare le distanze, bellissima la sterzata che porta al rigore, perfetta l’esecuzione. Anche Juric gli fa i complimenti nel dopo gara.

GYASI – 5,5 Un po’ appannato come anche nelle ultime uscite. Del resto si sbatte sempre per due e le gioca tutte, inevitabile che succeda.

ANTISTE – 6 Motta lo piazza a inizio ripresa sulla destra nel 4-2-3-1 e cambia subito l’inerzia del match che passa nelle mani dei bianchi. Mette un paio di traversoni interessanti nel mezzo e vivacizza la manovra. Costringe Bremer a un fallo da arancione, un ritorno positivo il suo.

STRELEC – 5,5 Dopo mesi di naftalina eccolo di nuovo in campo per un finale a trazione anteriore. Corre tanto ma la vede poco. Alla prossima.

ALL. MOTTA – 6 Il suo Spezia ultimamente si basa su determinate certezze, ma nella gara odierna ne ha perse almeno tre fondamentali. Prova a disegnare una squadra speculare agli avversari, come già fece all’andata. Questa volta ha ragione la squadra di Juric che sorprende per facilità di palleggio e qualità solo chi non ha visto le precedenti gare casalinghe anche con le grandi, pur senza vincere sempre. Riconosce lui stesso nel dopo gara che forse il tornare alla difesa a tre dopo qualche mese, può aver condizionato i suoi, ma è molto più probabile che a condizionare il primo tempo ci abbia pensato il subitaneo vantaggio di Lukic. Nella ripresa ridisegna la squadra e si tornano a vedere cose diverse con la squadra che ci prova sino alla fine. Ora le due gare interne che possono chiudere il discorso salvezza anche matematicamente.

Arbitro GHERSINI – 5,5 Ha spesso la smania di lasciar correre, il problema è che poi lo fa a fasi alterne e dando il contentino alla squadra di casa. L’accanimento nei confronti di Manaj è palese in questo senso. I rigori sono entrambi netti, lascia qualche dubbio invece la mancata espulsione di Bremer, reo di un brutto fallo su Antiste ma che meritava il giallo già in precedenza.

Enrico Lazzeri
Enrico Lazzeri
Nato a La Spezia, è il Direttore Responsabile della testata, segue lo Spezia con passione e trasporto dai primi anni '80 prima da tifoso, poi da tecnico televisivo ed infine da giornalista. Per anni Direttore di Astroradio, collabora con Tele Liguria Sud dagli anni 80, attualmente opinionista nella trasmissione Voglia di Spezia al giovedì sera.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi articoli

News Italpress

Altri Articoli
Correlati

Incidenti Spezia-Napoli – C’è tanto che non quadra, anche nei provvedimenti adottati

Giusto premettere che non è nostra intenzione difendere senza...

Incidenti Spezia-Napoli – Dalla censura alle invenzioni, come distorcere una realtà ben chiara

Gli strascichi di ciò che è avvenuto ieri prima,...

SPEZIA-NAPOLI: 0-3 GLI AZZURRI LA CHIUDONO NEL PRIMO TEMPO, NELLA VERGOGNA DEI LORO TIFOSI

In una giornata dove si fa fatica a parlare...
P