SASSUOLO-SPEZIA: 4-1 I NEROVERDI MERITANO, MA PESA UN RIGORE NON CONCESSO A KOVALENKO

|

|

Portare via punti a un Sassuolo in grande momento di forma non era impresa facile per lo Spezia di Thiago Motta, ma concludere la gara con un passivo del genere è eccessivo rispetto all’andamento del match.
I bianchi, oggi in arancione, sono infatti stati in partita sino al minuto 78, quando il difensore centrale Ayhan si è inventato una conclusione di esterno in piena area di rigore che ha chiuso la contesa.

Pochi istanti prima Kovalenko, ben servito in area da Gyasi, veniva colpito dal difensore e avrebbe meritato che gli venisse concesso il calcio di rigore, invece l’arbitro Volpi lascia proseguire l’azione senza poi concedere la massima punizione.
La gara si decide qui e anche se alla fine sono i padroni di casa a meritare, resta l’amaro in bocca di quello che poteva essere il pari a meno di un quarto d’ora dalla fine.

Thiago Motta nel 4-3-3 questa volta sceglie Kovalenko in posizione avanzata a sinistra con Gyasi ancora centravanti e Verde a sinistra, per il resto formazione confermata rispetto alla vittoria sul Cagliari.
Nel Sassuolo non c’è Scamacca e gioca Defrel centravanti nel 4-3-3 disegnato da Dionisi.

L’inizio è favorevole alla squadra di Motta che attacca alta e prova a tenere i padroni di casa nella propria metà campo, almeno sino a che i neroverdi non si riorganizzano.
A sbloccare il match è la prima vera situazione da gol, con Frattesi che si butta nello spazio al limite dell’area e viene servito alla perfezione, Kovalenko gli frana addosso in ritardo, rigore e giallo.
Batte Berardi alla sinistra di Provedel che non ci arriva.

Gli aquilotti accusano il colpo e in un paio di occasioni pasticciano dietro con Frattesi che ha un paio di opportunità per il raddoppio.
Passata la sfuriata lo Spezia si assesta e creano una limpida occasione con Gyasi, in fuorigioco, è il preludio al gol che arriva con un’azione da sinistra di Kovalenko per Bastoni che crossa lungo per l’accorrente Verde, stop, mira all’angolo opposto e tiro a giro delizioso che si spegne alle spalle di Consigli.

Ad inizio ripresa Bastoni perde palla a centrocampo, ripartenza veloce e palla a Berardi che evita Reca e fa passare la palla tra le gambe di Provedel per il nuovo vantaggio dei neroverdi.
Si arriva all’azione del mancato rigore a Kovalenko, dopo la quale Motta leva Gyasi e Verde inserendo Agudelo e Manaj.
Ma serve a poco perché come detto arriva il 3 a 1, seguito dal quarto gol di Scamacca che sfrutta un cattivo posizionamento di Manaj in barriera, troppo pesante.

Ora la sosta, poi testa al Venezia, il vero e proprio spareggio salvezza che potrebbe consentire ai ragazzi di Motta di mettere un tassello decisivo sulla salvezza.
Tutte le info sulla gara, a questo indirizzo.

Enrico Lazzeri
Enrico Lazzeri
Nato a La Spezia, è il Direttore Responsabile della testata, segue lo Spezia con passione e trasporto dai primi anni '80 prima da tifoso, poi da tecnico televisivo ed infine da giornalista. Per anni Direttore di Astroradio, collabora con Tele Liguria Sud dagli anni 80, attualmente opinionista nella trasmissione Voglia di Spezia al giovedì sera.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi articoli

News Italpress

Altri Articoli
Correlati

Incidenti Spezia-Napoli – C’è tanto che non quadra, anche nei provvedimenti adottati

Giusto premettere che non è nostra intenzione difendere senza...

Incidenti Spezia-Napoli – Dalla censura alle invenzioni, come distorcere una realtà ben chiara

Gli strascichi di ciò che è avvenuto ieri prima,...

SPEZIA-NAPOLI: 0-3 GLI AZZURRI LA CHIUDONO NEL PRIMO TEMPO, NELLA VERGOGNA DEI LORO TIFOSI

In una giornata dove si fa fatica a parlare...
P