TERNANA-SPEZIA: 1-1 DAL DOMINIO ALLA PAURA, DI SERIO LA RIPRENDE ALLO SCADERE

Succede non tutto ma tantissimo nel finale, con i padroni di casa che vanno in vantaggio con Di Stefano e i bianchi che la riprendono allo scadere con il primo gol del nuovo acquisto Di Serio, evitando una sconfitta che sarebbe stata una beffa e avrebbe riaperto polemiche a non finire. Per più di un'ora è lo Spezia a comandare il gioco, ma non passa in vantaggio e alla fine rischia di perdere un match vitale.

|

|

Succede non tutto ma tantissimo nel finale, con i padroni di casa che vanno in vantaggio con Di Stefano e i bianchi che la riprendono allo scadere con il primo gol del nuovo acquisto Di Serio, evitando una sconfitta che sarebbe stata una beffa e avrebbe riaperto polemiche a non finire.
In realtà è lo Spezia che fa la gara per quasi 70 minuti, poi i cambi e la stanchezza rimettono in gara una Ternana che nel frattempo aveva fallito un rigore con Gaston Pereiro e che finisce dando almeno la sensazione di volersela giocare.

Il vantaggio arriva su un contropiede ben orchestrato e cross di Casasola per Di Stefano, appostato sul secondo palo, i bianchi la riprendono con un’azione a percussione che porta al tiro Pio Esposito e sulla respinta al bello slalom di Di Serio che pesca l’angolino con un preciso sinistro.
Un successo avrebbe risollevato le chance salvezza diretta, ma visto come si era messa la gara, il punto conquistato al “Liberati” è da considerarsi tanta manna, specie in attesa dei tanti scontri diretti casalinghi.

D’Angelo non recupera Hristov, ancora alle prese con il problema alla spalla, e non rischia subito Elia, di ritorno dall’infortunio muscolare.
Per cui rispetto all’ultima sfida con il Catanzaro Muhl gioca al centro della difesa, per il resto tutto confermato.
Breda risponde con la formazione annunciata, con Gaston Pereiro e Raimondo davanti in un 3-5-2 molto raccolto e che lascerà pochi spazi alla manovra dei bianchi.

Spezia che parte meglio dei padroni di casa, pressione alta e palleggio costringono le fere nella propria metà campo.
Sono anche i minuti in cui Falcinelli va vicinissimo al gol con una girata da distanza ravvicinata che il portiere devia in maniera fortuita in angolo, sul corner si fa vedere ancora Muhl di testa, ma il portiere risponde ancora.

L’azione davanti alla difesa di Nagy e Salvatore Esposito è efficace come supporto alla difesa, Mateju e Cassata provano a spingere sulle fasce, mentre sono Jagiello e Verde a fare un po’ più di fatica a liberarsi dalla marcatura preparata su di loro da Breda, raddoppi compresi.
Per questo il grande lavoro di possesso palla, non sfocia poi in tante occasioni gol, con Falcinelli che risulta ben controllato dai centrali ternani.

Di contro in tutto il tempo, i padroni di casa si vedono in pratica una sola volta, su un errato disimpegno di Muhl e tiro di Gaston Pereiro.
Anche a inizio ripresa si vede più Spezia, Falcinelli impegna il portiere dal limite, poi è Esposito a costringerlo a una parata difficile su punizione.

Da un errore di Jagiello a centrocampo nasce però la prima vera opportunità per le fere, con Raimondo che riceve palla in profondità e prova a saltare il portiere in uscita, Zoet lo aggancia, rigore.
Sul dischetto vorrebbe andare Raimondo, ma il rigorista è Gaston Pereiro, peraltro ben conosciuto da Zoet che ha giocato con lui in Olanda.
Forse per questo motivo il portiere olandese intuisce la conclusione e respinge, salvando il risultato.

D’Angelo effettua un triplo cambio per provare a cambiare l’inerzia, fuori i due esterni Jagiello e Verde, oltre a Cassata, dentro due punte fisiche come Di Serio e Pio Esposito, oltre a Elia.
Anche Breda prova a cambiare qualcosa, ma i suoi soprattutto sembrano aver speso meno energie degli avversari e provano ad avanzare di qualche metro togliendo l’iniziativa agli aquilotti.

È in questo frangente che da una parte Zoet salva su Di Stefano, mentre dall’altra parte la conclusione di Elia viene respinta dalla difesa.
Dentro anche Bandinelli che rileva Falcinelli, proprio per dare più equilibrio nel mezzo, ma ora la gara è più equilibrata.

Il finale lo abbiamo già raccontato, i bianchi si sbilanciano in avanti a un soffio dalla fine e subiscono una ripartenza, De Boer crossa per l’inserimento di Sgarbi che calcia a rete ma colpisce male e serve Di Stefano sul secondo palo che insacca.
D’Angelo inserisce Moro per provare tutto il possibile e mancano solo 4 minuti.
Nell’ultima azione bravo Pio Esposito a spizzarla per il fratello che la restituisce, la conclusione finisce sul braccio di De Boer, ma non c’è tempo per protestare perché Di Serio si avventa sulla sfera, si libera sul sinistro e batte il portiere.

Tempo di controllare il gol da parte del VAR e l’arbitro fischia la fine, finisce così, con il rammarico da parte di entrambe le squadre, ma anche un sospiro di sollievo da parte degli aquilotti che evitano una sconfitta che sarebbe stata pesante dal punto di vista psicologico.
Ora sotto con il Cittadella, sarà fondamentale far tornare il Picco un fortino inespugnabile, la salvezza diretta passerà tanto dal nostro Stadio.

Tutte le info sul match a questo indirizzo.

Enrico Lazzeri
Enrico Lazzeri
Nato a La Spezia, è il Direttore Responsabile della testata, segue lo Spezia con passione e trasporto dai primi anni '80 prima da tifoso, poi da tecnico televisivo ed infine da giornalista. Per anni Direttore di Astroradio, collabora con Tele Liguria Sud dagli anni 80, attualmente opinionista nella trasmissione Voglia di Spezia al giovedì sera.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
Punteggio utente captcha non riuscito. Ci contatti per favore!

Ultimi articoli

News Italpress

Altri Articoli
Correlati

Giuseppe Di Serio e un inizio da bomber “Una vera emozione segnare sotto la Ferrovia”

Un gol da rapace d'area di rigore a Terni,...

FOCUS – Il nuovo attacco..

Che il reparto offensivo avesse bisogno di rinforzi ce...

Il Sondaggio – Vota i tre migliori di Spezia – Cittadella

Da questa settimana riprendiamo gli appuntamenti con il nostro...

Le Interviste – D’Angelo: “Commesso solo un errore, abbiamo reagito da squadra allo svantaggio”

Dopo la vittoria per 4-2 al "Picco" contro il...
P