SASSUOLO-SPEZIA: 1-0 BIANCHI POCO CONCRETI, BASTA IL RIGORE DI BERARDI

Con un gol di Berardi su calcio di rigore, il Sassuolo vince la sua quarta gara di fila, mentre per i bianchi arriva la prima sconfitta della gestione Semplici. Dopo un buon inizio dello Spezia, i neroverdi vengono fuori nella ripresa, mentre agli aquilotti resta il rammarico di aver subito la rete decisiva dopo aver commesso una serie di errori evitabili.

|

|

Semplici lo aveva detto alla vigilia, più difficile giocare al momento contro questo Sassuolo che contro l’Inter.
Alla fine ha avuto ragione, anche se, per segnare, gli uomini di Dionisi hanno dovuto ricorrere a un calcio di rigore, concesso per un fallo di mano di Amian su conclusione di Lourientè.
Il rammarico deriva dal fatto che, nell’azione del rigore, la difesa commette diversi errori, portando poi al tiro l’attaccante francese.

Ma non è stato certo un assedio quello del Sassuolo, anzi ne primo tempo erano stati gli uomini di Semplici ad approcciare meglio la gara creando anche i presupposti per andare in vantaggio.
Ma le conclusioni di Ekdal e Bourabia vengono respinte, poi per due volte Nzola sciupa da ottima posizione.

Semplici scegli Maldini dal primo minuto in avanti nel 4-3-3 dove Nikolaou fa il terzino sinistro, per il resto l’assetto assomiglia a quello della seconda parte della gara con l’Inter.
Dionisi lascia inizialmente in panchina Frattesi preferendogli Thorstvedt, per il resto è il miglior Sassuolo possibile che viene da tre vittorie di fila.

Come detto partono meglio i bianchi, per l’occasione con la terza maglia delle 5 Terre, ma non si portano in vantaggio e allora con il passare dei minuti cresce il pressing dei padroni di casa, bravi a difendere alti e a non far ripartire lo Spezia.
Berardi colpisce la traversa dal limite dell’area, poi sulla ribattuta spara fuori.
Prima della fine del tempo è Henrique a fallire il gol del vantaggio, o meglio è Dragowski a impedirgli di segnare alzando il braccio e respingendo il colpo di testa ravvicinato del centrocampista.

Dopo il riposo c’è subito una grossa occasione per i padroni di casa, con la conclusione di Rogerio che Dragowski respinge con bravura.
Ti aspetti un assedio, ma in realtà lo Spezia riesce anche a palleggiare e ripartire spesso, pur senza creare occasioni da gol.
Semplici toglie Ekdal, zoppicante, inserendo Esposito, mentre Zurkowski prende il posto di Maldini.

Un minuto dopo Ghersini ammonisce per un fallo veniale Nzola che quindi salterà la gara con la Salernitana, innervosendo il giocatore.
Poco dopo il rigore di Berardi che decide l’incontro, con Ghersini che, per concederlo deve ricorrere al VAR.

Passati in vantaggio i neroverdi possono chiuderla, prima con un’azione personale di Frattesi, palla alta di poco, poi con un tiro da fuori area di Lopez che accarezza il palo.
Semplici che aveva già inserito Cipot per Agudelo, va all in e passa al 4-2-4 togliendo Buorabia e Gyasi e inserendo Verde e Shomurodov.

Nel finale arrivano anche le occasioni, prima Nzola spedisce fuori, ma probabilmente era in fuorigioco, poi è Shomurodov a vedersi respinta la conclusione dalla difesa di casa.
All’ultimo tuffo quello che poteva essere il pareggio con Cipot che appoggia di petto per Caldara, la cui conclusione è respinta da Consigli in angolo.
L’arbitro fischia il fallo di mano, ma l’impressione è che il VAR avrebbe corretto la decisione perché il giocatore spezzino appoggia la sfera con il petto.

Finisce qua, con un po’ di rammarico per come la sconfitta è maturata e la sensazione che la squadra potesse fare qualcosa in più, specie nel secondo tempo, ma il momento estremamente positivo del Sassuolo non sta facendo sconti a nessuno.
Ora la sosta, poi l’importantissima gara casalinga con la Salernitana, altro crocevia decisivo nella strada che porta alla salvezza.

Tutte le info sul match a questo indirizzo.

Enrico Lazzeri
Enrico Lazzeri
Nato a La Spezia, è il Direttore Responsabile della testata, segue lo Spezia con passione e trasporto dai primi anni '80 prima da tifoso, poi da tecnico televisivo ed infine da giornalista. Per anni Direttore di Astroradio, collabora con Tele Liguria Sud dagli anni 80, attualmente opinionista nella trasmissione Voglia di Spezia al giovedì sera.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
Punteggio utente captcha non riuscito. Ci contatti per favore!

Ultimi articoli

News Italpress

Altri Articoli
Correlati

Il PAGELLONE della Stagione – MISTER Luca D’Angelo

Voto : 7,5 La firma più grande posta sopra questa...

Il PAGELLONE della Stagione – l’ATTACCO

ANTONUCCI 5 - 19 Presenze, 1263 minuti giocati. Doveva essere...

Il PAGELLONE della Stagione – Il CENTROCAMPO

BANDINELLI 5,5 - 33 Presenze, 1962 minuti giocati I Numeri...

Il PAGELLONE della stagione – La DIFESA

DRAGOWSKI 5 - 13 Presenze, 1170 minuti giocati.L'estremo difensore...
P