CITTADELLA-SPEZIA: 4-1 ACCIACCATI E FRAGILI, FINALE SHOCK AL TOMBOLATO

Che non sarebbe stato un pomeriggio facile lo faceva pensare il momento di grande forma dell'avversaria, ma soprattutto le assenze pesanti alle quali D'Angelo avrebbe dovuto sottostare. Alla fine l'ha decisa la freschezza e spensieratezza dei padroni di casa, aiutati nel momento topico da una decisione errata dell'arbitro Ghersini che ha colpevolmente sorvolato su un fallo ai danni di Nikolaou, in occasione del secondo gol. Il finale però è tutto da dimenticare per pensare subito al Modena.

|

|

Che non sarebbe stato un pomeriggio facile lo faceva pensare il momento di grande forma dell’avversaria, ma soprattutto le assenze pesanti alle quali D’Angelo avrebbe dovuto sottostare.
Alla fine l’ha decisa la freschezza e spensieratezza dei padroni di casa, aiutati nel momento topico da una decisione errata dell’arbitro Ghersini che ha colpevolmente sorvolato su un fallo ai danni di Nikolaou, in occasione del secondo gol.

Logico che il risultato pesante faccia comunque pensare che la vittoria sia andata indiscutibilmente ai padroni di casa, ma in giornate come queste se anche gli episodi ti girano storti si fa difficile.
D’Angelo come detto deve fare a meno all’ultimo anche di Amian, al suo posto Bertola, nel mezzo Pietra, davanti si rivede Moro, partono dalla panchina Kouda e Verde.

Nel Cittadella spazio al doppio trequartista con il giovane Cassano e Mastrantonio dietro a Pandolfi.
I veneti sono in fiducia e si noterà per tutta la gara, mentre i bianchi si sfalderanno alla distanza dopo aver subito il gol del raddoppio.

La prima frazione vede subito un Cittadella motivato con i bianchi che provano a giocare compatti senza dare spazi per le ripartenze.
Gorini piazza Cassano dalla parte di Bertola, proprio da lì arrivano i pericoli per la difesa, anche il gol del vantaggio lo segna Carriero inserendosi a rimorchio dalla sinistra e sfruttando una spizzata di Pandolfi.

La reazione spezzina si limita a una percussione in area di Moro che Esposito conclude costringendo alla parata Kastrati.
Mentre dall’altra parte Pandolfi sfiora il raddoppio colpendo la traversa a portiere battuto ma vanno vicino al gol anche Cassata e Mastrantonio.

La frazione si conclude comunque con lo Spezia che prova a reagire, reazione che si fa più convinta nella ripresa, anche per l’ingresso di Kouda per Bertola.
Cassata si sistema terzino a destra mentre l’ex Picerno va a fare la mezzala di inserimento.
E’ il periodo che precede il gol del pari che i bianchi interpretano bene anche come intensità no0n permettendo più ai padroni di casa di avere la meglio dal punto di vista del gioco.

Da una ripartenza arriva il gol di Moro, l’azione è orchestrata da Kouda, ma la conclusione decisiva è di Moro dal limite, l’attaccante torna alla rete dopo ben 17 partite, ma è destinato comunque a lasciare lo Spezia nel prossimo mercato.
Il pari sembra rinvigorire ancor più gli uomini di D’Angelo che mette dentro anche Verde per un deludente Antonucci.

Mentre dall’altra parte Gorini ne cambia tre inserendo sopratutto Pittarello che diventerà decisivo nel finale.
Ma a combinarla grossa è l’arbitro Ghersini che alla mezzora tralascia colpevolmente su un braccio largo sul volto di Nikolaou a centrocampo, consentendo ai padroni di casa di usufruire di una rimessa, battuta velocemente e che porta al cross sul quale proprio Pittarello si getta di testa per il nuovo vantaggio veneto.

Il fallo si svolge nei pressi della panchina di D’Angelo che non le manda a dire a Ghersini rimediando il rosso.
Da li in poi lo Spezia sparisce dal campo, nervoso e spaesato e per Pittarello e compagni è facile far girare la palla a memoria segnando altre due reti.
L’ingresso di Krollis, che colpisce una traversa allo scadere, per Moro cambia poco la sostanza, i bianchi sono in balia degli avversari e il fischio finale arriva come una liberazione.

Spezia che esce dal ‘Tombolato’ con le ossa rotte, pur con le attenuanti del caso, vedi assenze e acciacchi pesanti, ma deve far punti con il Modena, anche per il morale.
In attesa che il mercato colmi qualche falla in tutti i reparti e si possano evitare in futuro gare in difficoltà di uomini come quella odierna.
Ma avremo tempo per parlarne.

Tutte le info sul match a questo indirizzo.

Enrico Lazzeri
Enrico Lazzeri
Nato a La Spezia, è il Direttore Responsabile della testata, segue lo Spezia con passione e trasporto dai primi anni '80 prima da tifoso, poi da tecnico televisivo ed infine da giornalista. Per anni Direttore di Astroradio, collabora con Tele Liguria Sud dagli anni 80, attualmente opinionista nella trasmissione Voglia di Spezia al giovedì sera.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
Punteggio utente captcha non riuscito. Ci contatti per favore!

Ultimi articoli

News Italpress

Altri Articoli
Correlati

Giuseppe Di Serio e un inizio da bomber “Una vera emozione segnare sotto la Ferrovia”

Un gol da rapace d'area di rigore a Terni,...

FOCUS – Il nuovo attacco..

Che il reparto offensivo avesse bisogno di rinforzi ce...

Il Sondaggio – Vota i tre migliori di Spezia – Cittadella

Da questa settimana riprendiamo gli appuntamenti con il nostro...

Le Interviste – D’Angelo: “Commesso solo un errore, abbiamo reagito da squadra allo svantaggio”

Dopo la vittoria per 4-2 al "Picco" contro il...
P